Verdura

Radicchio di Chioggia

Produttore: Terra-Terra Società Cooperativa Agricola

Descrizione

"Ho piantato 2 varietà di radicchio di Chioggia, una all’inizio di agosto e inizio a raccogliere in autunno, l’altra spero riesca a superare l’inverno, spero di raccoglierla nel periodo dicembre, gennaio, febbraio. Quella tardiva è abbastanza resistente al freddo, è da vedere se resiste anche all’umido. Bisogna vedere se gelo, disgelo, eventuali piogge prolungate non facciano marcire le foglie.

Quest’anno abbiamo di nuovo messo il radicchio di Chioggia in pacciamatura, c’è chi lo trapianta non in pacciamatura, anche perché messa ad agosto tende a scaldare. Per questo abbiamo messo la pacciamatura bianca che tende a essere meno scaldata dai raggi solari. La usiamo per toglierci del lavoro, per evitare di andare troppe volte a togliere dell’erba, perché con gli strumenti che abbiamo, con un trapianto un po’ più fitto e stretto, siamo meno attrezzati per pulizia meccanica dell’erba nelle coltivazioni di radicchio di Chioggia.

Biologico è più facile per certi versi: noi facciamo biologico che consenta a noi di lavorare “meno” nel senso che lasciamo che le piante si arrangino, però dobbiamo far sì che l'ambiente dove crescono sia consono alla loro crescita, quindi il terreno deve essere fertile, dopodiché non è detto che la produttività del bio sia uguale a quella convenzionale dal momento che la produttività si misura in kg.

Le verdure rafforzano il sistema immunitario per una questione chimica grazie ai microelementi che contengono: sono elementi minerali o enzimi presenti in piccola quantità che però migliorano il funzionamento cellulare; sono presenti nelle verdure e non in altri elementi. Il rosso del radicchio è dovuto agli antociani, che sono degli antiossidanti".


Ricette

Riso rosso con zucca e radicchio di Chioggia
Sbuccia la zucca, taglia la polpa a pezzetti e falla cuocere a vapore. Pela ½ cipolla, affettala sottilmente e falla rosolare in una padella con poco olio extravergine di oliva, versa la zucca, 1 cucchiaino di curcuma e fai insaporire per qualche minuto. Trasferisci la zucca in una terrina e schiacciala con una forchetta. Incorpora delicatamente qualche cucchiaio di yogurt bianco e regola di sale. Lava il radicchio di Chioggia e taglialo a listarelle, quindi fallo stufare in una padella con ½ cipolla tritata e poco olio extravergine di oliva. Sciacqua il riso rosso sotto l’acqua corrente, fallo cuocere e scolalo al dente. Condiscilo con la crema di zucca e fallo insaporire insieme al radicchio di Chioggia.

Ravioli di ricotta, noci e radicchio di Chioggia
Su un piano di legno versa 200 g di farina setacciata e aggiungi 2 uova già sbattute. Impasta bene, copri con un telo e fai riposare la pasta per circa mezz’ora. Nel frattempo fai soffriggere 1 cipolla affettata sottilmente, unisci il radicchio di Chioggia tagliato a striscioline, fallo insaporire qualche minuto e sfuma con vino bianco. A fuoco spento, unisci 200 g di ricotta di pecora e un trito di noci e formaggio parmigiano.

Mentre il composto si raffredda, dividi la pasta in 4 e stendi un pezzo per volta sulla spianatoia col matterello, o con la macchina per la pasta, in modo che risulti ben sottile. Disponi dei mucchietti di ripieno a distanza regolare, piega la sfoglia su se stessa in modo da chiudere il ripieno all’interno della pasta. Schiaccia bene i bordi e con l’apposita rotella taglia i singoli ravioli. Fai cuocere i ravioli in una pentola con abbondante acqua bollente salata. Scolali e condiscili con burro e salvia.

Acquista Radicchio di Chioggia

Radicchio di Chioggia non è al momento disponibile, magari ti può interessare Radicchio di Treviso