fbpx

🌈 PROSSIMA CONSEGNA SETTIMANA 11 — POTRAI FARE LA TUA SPESA A PARTIRE DA GIOVEDì 29/02 🌈

🍀 CONSEGNIAMO LA SPESA OGNI 15 GIORNI, PERCHÉ? 🍀 Le produzioni ortofrutticole quest’anno sono meno abbondanti a causa dell’andamento climatico. 🍀 Abbiamo scelto di ridurre i movimenti su strada dei nostri furgoni, accorpando in modo più razionale le consegne. 🍀 Pensiamo che queste scelte siano da te condivise.

Testo di esempio negozio chiuso

Sale marino grosso kg 1 integrale

1,73

Il sale marino grosso integrale può essere definito l'oro bianco delle saline trapanesi. All'interno della Riserva naturale delle saline di Trapani e Paceco, gestita dal WWF, i fratelli Guicciardo si dedicano alla raccolta del fior di Sale e del sale marino integrale che poi vendono nelle versioni di...

Scopri di più

Il sale marino grosso integrale può essere definito l’oro bianco delle saline trapanesi. All’interno della Riserva naturale delle saline di Trapani e Paceco, gestita dal WWF, i fratelli Guicciardo si dedicano alla raccolta del fior di Sale e del sale marino integrale che poi vendono nelle versioni di Sale marino grosso integrale o di sale marino fino integrale. Gli elementi essenziali per la nascita del sale marino grosso integrale sono tre: l’acqua del mare, il sole e il vento. Le caratteristiche della costa fra Trapani, Paceco e Marsala con il suo litorale basso e un clima secco e ventoso sono note da tempi antichissimi. La produzione del sale marino grosso integrale è concentrata nel periodo estivo, in particolare nei mesi di luglio e agosto. La salina di Trapani e Paceco è composta da quattro diversi tipi di vasche con concentrazioni di salinità crescenti. L’acqua del mare viene introdotta nelle prime vasche chiamate fridde dove la salinità arriva fino a 4° Baumé (la scala di Baumé misura la densità di una soluzione acquosa), successivamente passa nelle vasche di second’ordine denominate vasu coltivu dove la salinità sale a 12 Baumé. Le successive vasche caure permettono di concentrare ulteriormente la soluzione che, passando attraverso un percorso serpentino, raggiunge le vasche salanti, dove, ogni 45 giorni, il sale marino grosso integrale viene raccolto. Il primo sale raccolto è il fior di sale, costituito da sfoglie delicate ricchissime di magnesio che si condensano sulla superficie delle vasche salanti in giornate senza vento e senza umidità. Le leggerissime scaglie vengono raccolte a mano con molta cura. Oltre ad essere un sale molto ricco di magnesio, il fior di sale è particolarmente friabile e altamente solubile. Il sale marino grosso integrale, il prodotto maggiormente raccolto nelle saline, è un alimento ricco di oligoelementi preziosi quali iodio, magnesio, potassio ed altri microelementi. A differenza del salgemma, sale estratto da miniere sotterranee prodotte dalla lenta evaporazione di bacini marini preistorici, il sale marino grosso integrale ha un minor contenuto di cloruro di sodio e contiene tutti gli elementi che il salgemma e il sale raffinato perdono nei processi di raffinazione. Il sale marino grosso integrale appare generalmente umido e grumoso con un colore tendente al grigio poiché privo di sostanze anti-umidità. Il sale marino grosso integrale, con tutti gli elementi naturalmente presenti, è stato per secoli un rimedio naturale per molti malanni, perché ricco di sostanze capaci di contrastare l’azione dei radicali liberi dal nostro organismo”. Caratteristiche generali Denominazione: Sale marino grosso integrale Ingredienti: sale marino grosso integrale siciliano Quantità: 1000 g Origine: Italia Confezionamento: sacchetto trasparente Scadenza minima garantita: 1 anno Modalità di conservazione: in luogo fresco e asciutto Curiosità Le caratteristiche della costa fra Trapani, Paceco e Marsala con il suo litorale basso e un clima secco e ventoso sono note da tempi antichissimi. L’impianto delle prime saline in questo tratto di costa risale all’epoca dei fenici (VIII sec. a.c.). L’estrazione dell’oro bianco, soprannome dato nei secoli al sale marino, è stata il volano dell’economia di queste zone nel XVII e nel XVIII secolo, al punto tale da far diventare il porto di Trapani uno dei più importanti del Mediterraneo. Il paesaggio si è così riempito di vasche d’acqua, mulini a vento e piramidi bianche che diventano rosa al calare del sole.