fbpx

🌈 PROMEMORIA SETTIMANA 23 🌈

Per ricevere la spesa tra il 03 e il 04 giugno, fai il tuo ordine entro le ore 12 di mercoledì 29 maggio. Grazie!

Crauti di porro g 170

7,94 gr

Le agliacee migliorano ancora di più, maturano, se dopo che è passato il mese di fermentazione riposano ancora un po’. Maturando il loro pungente si ammorbidisce un pochino, e risulta molto più dolce, più apprezzabile. Ovviamente il porro è possibile che abbia della terra all'interno, tra le varie...

Scopri di più
7,94 gr

Le agliacee migliorano ancora di più, maturano, se dopo che è passato il mese di fermentazione riposano ancora un po’. Maturando il loro pungente si ammorbidisce un pochino, e risulta molto più dolce, più apprezzabile.

Ovviamente il porro è possibile che abbia della terra all’interno, tra le varie foglie, non viene sfogliato, non viene tagliato a metà perché sarebbe poi più complesso tagliarlo, perché mi troverei in mano con delle foglie e basta, quindi è un lavoro abbastanza lungo rispetto ad altre verdure. Manualmente si passa giro per giro di foglia, si controlla bene che non ci sia della terra all’interno, si fa al massimo una sorta di incisione e poi vengono lasciati a bagno un po’ più di tempo nell’acqua per lavarli ed evitare di trovare poi della terra.

La parte più verde, normalmente più fibrosa, viene eliminata e solitamente la vado a essiccare facendo la polvere per fare altri prodotti tipo il preparato per il risotto ai porri, quindi c’è una parte di polvere bella verde di porro che dà il colore e la cremosità, poi c’è anche lo stesso ortaggio disidratato tagliato. Lo faccio per cercare di recuperare quello che sarebbe uno scarto della fermentazione dei crauti di porro.

Il porro ha proprietà diuretiche, disintossicanti e idratanti, contiene sostanze anticolesterolo e antiossidanti ed è ricco di vitamine C, A, K, E. Il naturale processo di fermentazione dei crauti di porro consente di mantenere intatte le proprietà del prodotto crudo e rende l’ortaggio dolce e delicato.

Consiglio di gustare i crauti di porro semplicemente con un filo di olio extravergine di oliva; meglio evitare di cuocerlo per evitare di perdere i fermenti vivi. Il liquido può essere utilizzato come condimento.