Verdura

Barbabietola cotta

Azienda agricola Mauro Villa

"Semino la barbabietola rossa in campi con terreno piuttosto sciolto, ma è un ortaggio che non richiede un terreno speciale, l'importante è che il terreno non venga calpestato prima della semina. Le semino con una macchinetta per seminare e metto giù un seme ogni 3-4 centimetri, perchè se le semini a troppa distanza diventano grosse, invece, seminandole vicine rimangono piccole, ma sono anche più apprezzate.
Queste che raccogliamo adesso le ho seminate a marzo. Il seme un po' lo facciamo noi un po' lo comperiamo, sempre bio.
Quest'anno ne ho seminate 2 macchinate da 4 file, il campo è lungo 120 metri. Fai un po' il conto; in tutto ne ho seminate circa 24.000!
Come le altre coltivazioni, si bagna con regolarità e poi le barbabietole le togli tutta l'estate. Non faccio nessun trattamento perchè nei miei campi non si verificano malattie: io ritengo che, non avendo mai fatto trattamenti chimici, il terreno sia sano e abbia sviluppato delle sue difese naturali. Anzi, io sono più contento quando vedo un po' di pidocchi ad esempio sui fagiolini, perchè così ho la certezza che nel giro di pochi giorni arrivano le cocciniglie, gli antagonisti naturali, e l'equilibrio si mantiene".

Origine ITALIA


Barbabietola cotta