Verdura

Peperoncino nero Marquinia

Produttore: Officina Naturale di Davide Zacchilli

Descrizione

"Era già da qualche anno che pensavo di arricchire un po’ le cose, dopo una breve ricerca ho trovato questa varietà, peperoncino nero Marquinia, che si presta bene a essere essiccato.

Il peperoncino nero Marquinia era un po’ di anni che lo piantavo: una parte della miscela è formato dal Pimenta de Neig, un peperoncino brasiliano scoperto da una signora. Alla signora è cresciuta una pianta in giardino e poi lei ha preso i semi, li ha selezionati, ha formato la specie per cui ha preso il suo nome. Mi ha colpito subito perchè è molto aromatico, è molto interessante. Poi, da lì, ho trovato altri neri che si prestano all’essiccazione, così ho creato la miscela peperoncino nero Marquinia.

Io faccio una ricerca dei semi sia in Italia che all'estero, infatti alcuni dei miei semi provengono da un’azienda molto seria alle Canarie, che seleziona questi semi, e altri semi li prendo in Italia.

Il bianco e il nero sono un po’ i colori in antitesi, yin e yang, queste cose qui mi hanno stimolato molto.

Ho scelto di produrre il peperoncino nero Marquinia per arricchire la gamma dei colori. L’idea era di metterli insieme, cioè divisi nello stesso barattolo, poi ho deciso di fare due confezioni.

Sicuramente la storia del pimento de Neig mi ha colpito, poi il gusto e il sapore che ha è molto particolare, unico. Io, ad esempio, ho trovato sulle carni, sugli arrosti un abbinamento spettacolare, anche sulle uova, sulla frittata per esempio, secondo me, si abbina benissimo. Infatti lo consiglio come abbinamento.

Sicuramente ha un profumo particolare che è diverso dagli altri. Come piccantezza un pochino ci alziamo di livello, non tanto ma un pochino sì. Se i rossi sono intorno al 30-40-50.000 gradi Scoville qui ci alziamo a 80.000-100.000, siamo un pochino più alti perché la varietà è diversa, però io l’ho assaggiato in miscela e diciamo che non è aggressivo.

Il peperoncino nero Marquinia è abbastanza volatile come profumo – e infatti va subito al naso, fa starnutire un pochino, però sul piatto rimane decisamente gradevole.

Quello del peperoncino nero Marquinia è un sapore un po’ più pungente, un classico dei Chinensi, non è il classico profumo del peperoncino.

Erano alcuni anni che le avevo notate queste varietà e quest’anno le ho prese e le ho piantate. Quest’anno ne ho piantate un centinaio di piante per ogni varietà. Le varietà con le quali ho prodotto il peperoncino nero Marquinia sono Chinensi, un altro genere di Capsicum, un po’ più tardive, un po’ più grassottelle, sono anche difficili da essiccare perché hanno più polpa però alla fine sono venuti 60-70 vasetti di peperoncino nero Marquinia.

Questi semi, volendo, li posso autoprodurre, nel senso che se io isolo la pianta, al momento della fioritura, avrò una pianta non ibridata. L’ho fatto due anni fa, non è facile, bisogna stargli dietro però è fattibile, bisogna coprirla con un telo apposta e poi diciamo che quella pianta produce i semi puri. Io adesso li sto comprando perché non l’ho fatto questo lavoro, quest’anno, però si può fare".


Acquista Peperoncino nero