Frutta

Nocciola Piemonte I.G.P. tostata del Roero

Azienda Agricola Bertero

"Noi siamo a un'altezza sul livello del mare che è ideale per la coltivazione delle nocciole: da 300 a 600 slm è l'altezza ideale. La nocciola che noi coltiviamo qua ha la caratteristica di potersi conservare molto nel tempo e non diventa mai rancida. Questo è dovuto alla presenza di olio: l’olio che c'è all'interno è circa il 50%, cioè la nocciola è composta per il 50% di olio con grassi insaturi quindi non c'è nessun problema, va anche bene per chi ha il colesterolo alto. È molto buona e carica di gusto poi il gusto dipende molto dal terreno. Noi nel Roero abbiamo una nocciola molto più intensa come gusto per il fatto che abbiamo delle terre argillose e quindi la presenza di ferro e argilla danno alla nocciola un’intensità di gusto molto più elevata rispetto a quelle di Langa, che sono però molto più belle a livello di calibro, sono molto più chiare quando vengono pelate, perché essendo terra bianca la terra di Langa, terra calcarea, la nocciola è molto più chiara, lo vedi proprio a occhio. È più chiara ed è anche più bella da vedere. Le nocciole però hanno la stessa denominazione perché comunque vengono coltivate tutte in Piemonte, non c'è una divisione di zone però cambia molto il gusto: se vuoi una nocciola che sia tutto uguale, in Langa hai una nocciola più uguale a livello di calibro, noi qui abbiamo più scalarità di fioritura, abbiamo più gusto, più intensità finale del prodotto.

La nocciola del Piemonte è la migliore al mondo perché ha la caratteristica di non irrancidire, di essere conservabile. Infatti anche la Ferrero, che è un'industria grandissima, nel Rocher, la nocciola che c'è dentro al Rocher, quella intera, è solo nocciola Piemonte perché tutte le altre tendono a irrancidire, anche se tostate.

Dal punto di vista nutrizionale la nostra nocciola va bene proprio per il discorso dei grassi acidi insaturi che non danno problemi a livello del colesterolo, è ricca di polifenoli, è ricca di elementi nutritivi anche sali minerali. Dicono che fa molto bene per chi ha il colesterolo alto, tipo le noci.

Quest'anno la situazione delle nocciole è critica: il Consorzio dice che a livello piemontese mancano circa 120.000 tonnellate di nocciole perché la produzione è stata molto bassa quindi i prezzi sono alle stelle. A livello italiano la nocciola copre neanche il 40% di quello che il mercato necessita quindi si è diffusa molto e si potrebbe ancora diffondere, il problema è a livello delle grandi industrie che cercano di sminuire un po' questo nome perché così possono usare e nocciole di tutte le altre nazionalità tranne quella italiana, perché la nostra nocciola costa molto di più".



Origine Italia


Origine: Italia


Nocciola Piemonte I.G.P.