Carne, pesce

Sfilaccetti di tacchino

Produttore: Az. Agr. Agrituristica Cascina Campora

Descrizione

"Quando abbiamo creato gli sfilaccetti di tacchino, l’abbiamo fatto per evitare lo spreco di una carne gustosa che rimane attaccata all’osso dopo la lavorazione dei tacchini.
È la carne che rimane attaccata all’osso, c’è della carne e anche della pelle, un po’ di grasso, per forza. Una volta che ho disfatto il tacchino, e quindi ho tolto le cosce, la fesa eccetera, tutta la carne che rimane attaccata alle ossa diventano sfilaccetti di tacchino. Ovviamente insieme alla carne ci sono anche dei residui di pelle, ma sono attaccati alla carne e ovviamente c’è anche del grasso.

Li chiamiamo sfilaccetti di tacchino perché sono dei ritagli sfilacciati della lavorazione. Quindi non può esserci soltanto la polpa, quelli sono i bocconcini che vengono fatti col petto, con la fesa.

Come si ottengono gli sfilaccetti di tacchino? Col coltello vado a pulire intorno all’osso, tra l’altro la carne attaccata all’osso è quella più buona, più saporita. Mia mamma con gli sfilaccetti di tacchino fa un’insalata, oppure li fa saltati in padella così con un po’ di olio o con la conserva; i più buoni sono con la conserva di pomodoro.

Se io, mentre li lavoro, tolgo il grasso, mi conviene non fare gli sfilaccetti di tacchino: mettersi lì a pulirli non varrebbe la pena, c’è più lavoro perché comunque ci vorrebbe del tempo a pulirli.

Si possono utilizzare gli sfilaccetti di tacchino, una volta sciacquati, facendoli cuocere saltandoli in padella dove allora il grasso ha la sua funzione, al forno con la pelle che li tiene morbidi possono anche andare bene. L’altra idea è saltarli un po’ alla messicana oppure farli bollire e dopo la bollitura tengo la carne per l’insalata, le altre parti, se non sono di mio gusto, le do agli animali domestici e il brodo che ne ottengo posso usarlo per risotti e minestre.

I miei animali sono allevati con sistema non intensivo, senza forzature sulla riproduzione e sulla crescita, in ambienti che ne rispettano il benessere. Vengono nutriti con razioni alimentari a base di cereali e foraggi prodotti dall'azienda stessa. I nostri tacchini sono degli incroci di varietà allevate dalle nostre parti.

Trascorrono tutta la loro vita circolando liberamente in ampi recinti. Oltre a quanto trovano al pascolo, vengono nutriti con orzo, grano e mais coltivati in azienda. Per avere carni prive di residui non facciamo alcun trattamento farmacologico: le condizioni poco stressanti in cui vivono questi tacchini sono la miglior prevenzione contro il diffondersi di patologie. La macellazione avviene quando hanno raggiunto i 6 mesi e un peso fra i 12 e i 15 kg.

Le nostre coltivazioni prevedono l'utilizzo di fertilizzanti naturali prodotti nell'azienda e la pratica della rotazione delle colture. Per la prevenzione delle malattie e il soddisfacimento dei fabbisogni di vitamine e minerali degli animali, vengono utilizzati esclusivamente prodotti naturali sotto forma di estratti vegetali, olii essenziali e propoli, e non si ricorre all'utilizzo di antibiotici”.

Caratteristiche generali

Denominazione: sfilaccetti di tacchino g 500
Ingredienti: tacchino
Peso: 500 g
Origine: Italia
Codice di identificazione allevamento allevamento IT 0521M CE
Modalità di conservazione: conservare in frigorifero da 0°C a + 4°C
Scadenza minima garantita: 6 giorni
Modalità d’uso: da consumarsi previa cottura.


Acquista Sfilaccetti di tacchino