Trapani Sale di Gucciardo Vincenzo

Produttori

Titolari: Gucciardo Vincenzo
Dove: Via Rinaldi 74/a C/DA MARAUSA (TP)

 Le saline Trapanesi si trovano lungo la costa che va da Trapani a Marsala. Si trovano in una costa pianeggiante e per la maggior parte sotto il livello del mare: sono state impiantate in questo territorio per le favorevoli condizioni climatiche quali le scarse precipitazioni durante il periodo estivo, la presenza dei venti e le alte temperature, fattori che favoriscono l'evaporazione dell'acqua di mare.

Oggi le saline sono parco naturale denominato " riserva naturale delle saline di Trapani e Paceco" gestita dal WWF. Il sale marino si ottiene dall’evaporazione dell’acqua del mare che viene introdotta nella salina. La salina comprende quattro ordini di vasche. Nella prima detta la “fridda", l’acqua del mare entra sollevata da una spirale di Archimede e raggiunge un metro di altezza e una salinità di quattro gradi Baumè (la scala di Baumé  è una misura della densità di una soluzione acquosa). Dalla fridda passa tramite una chiusa, regolata dalla sapienza dell’uomo, in una seconda vasca denominata “vasu coltivu” , dove raggiunge una salinità di 12 gradi Baumé. Da qui l'acqua passa, per differenza di livello, nelle vasche denominate caure, e poi, attraverso un percorso serpentino, l’acqua satura viene introdotta nelle vasche salanti.
Il lavoro in salina incomincia nel mese di marzo con la pulitura delle vasche salanti dalla fanghiglia accumulata durante l’inverno. Il periodo di coltivazione del sale va da giugno a settembre con due raccolti mediamente all'anno. In pratica ogni 45 giorni le vasche salanti vengono prosciugate di acqua ed il sale viene messo in cumuli piccoli dentro le vasche e poi con pale e carriole messo negli arioni.
Pertanto gli elementi che si usano sono solo l’acqua di mare con i suoi elementi oligominerali, il sole e il vento che fanno evaporare le molecole di acqua e fanno aumentare la concentrazione salina.



 
 

Recapiti


tel 0923 867717
fax 0923 867717